Benvenuto nella Parrocchia di Voltabrusegana   Click to listen highlighted text! Benvenuto nella Parrocchia di Voltabrusegana Powered By GSpeech

Questo sito non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze, vengono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti .Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Leggi l'informativa relativa alla cookie policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Inoltre su ogni pagina consultabile di voltabrusegana.iu in calce trovi anche la Privacy Policy relativa al trattamento dei dati personali.

Cristo è La Nostra Speranza

cristonostrasperanzaPer tutta la settimana santa, le preghiere co-muni ci avvicineranno a Gesù. Lo vedremo mentre si incammina verso la sofferenza e la morte. Il sabato santo poi ci porrà nel silenzio di Dio, una dimensione che Gesù ha co-nosciuto e che ha condiviso con tanti uomini e donne che hanno l’impressione di essere abbandonati da Dio.

Alla vigilia della risurrezione di Gesù, lui ha vinto la morte. In che modo? Attraverso l’amore che è stato più forte.
Per alcuni è difficile crederlo: vediamo così tanta violenza nel mondo! In questi ultimi tempi si è scatenata ancora di più e tutti noi siamo sconvolti nel vedere situazioni in cui la vita umana non sembra avere più alcun valo-re.

Non fermiamoci ad essere scioccati o accusatori. Vedere tutto questo mette ciascuno di noi davanti a que-ste domande: Sei disposto a rivedere le priorità nella tua vita? Non restiamo troppo spesso bloccati da do-mande e discussioni che in fondo non sono poi così importanti? Vuoi diventare costruttore di pace? Allora comincia dal posto in cui tu vivi!

Riporre la nostra fiducia in Cristo non è sempre un sentimento che ci tranquillizza, ma ricordiamoci che lui ci dona sempre la sua pace e con essa il coraggio di prendere decisioni forti che orientano la nostra vita. Se ricevere la pace di Cristo potesse diventare la priorità nella nostra vita, il mondo cambierebbe molto.

Celebrare con le persone disabili

personedisabilivicari e parroci,
coordinatori vicariali e parrocchiali dei catechisti
coordinatori vicariali e parrocchiali degli operatori per la liturgia
genitori e responsabili di associazioni e animatori di gruppi parrocchiali,
ai membri delle equipe diocesane di formazione,

vi raggiungiamo con queste semplici, ma convinte parole, per invitarvi al SEMINARIO DI APPROFONDIMENTO sul tema:

“CELEBRARE CON LE PERSONE DISABILI “

L’appuntamento è per domenica 24 marzo dalle 9,30 alle 12,00 presso Casa Santa madre Teresa di Calcutta, a Sarmeola di Rubano, via Mazzini 93.

Il tema scelto desidera mettere in luce alcune grandi verità affinché trovino anche un attenzione pastorale verso le persone disabili presenti nelle nostre parrocchie.

Celebrare il sacrificio di Cristo morto e Risorto infatti, non è un fatto privato, riservato ad alcuni, ma è un evento di grazia che realizza la salvezza per tutti. Celebrare l'Eucaristia vuol dire riconoscerci figli dello stesso Padre che si ritrovano per ricordare, fare festa, offrire, condividere, indipendentemente dalle condizioni di ciascuno. Anzi, al banchetto eucaristico, gli invitati più attesi sono proprio le persone più deboli e fragili.

Come poter dare concretezza a questa verità, affinchè nessuno sia escluso dalla Celebrazione eucaristica?
A rispondere a questa domanda ci aiuterà don Gianandrea Di Donna, direttore dell'Ufficio diocesano per la liturgia e il servizio per il catecumenato.
Verso le 11,30 è prevista la celebrazione dell’Eucaristia.

Nella speranza di poterci incontrare, vi invitiamo ad estendere questo invito a più persone possibili, in particolare ai genitori con figli disabili e a quanti prestano il loro servizio con i ragazzi disabili.

Cordialmente
Responsabile Settore diocesano
della catechesi con le persone disabili
Cinzia Bernardi

Direttore Ufficio diocesano
per l’annuncio e la catechesi
don Giorgio Bezze

Comunità cristiana di adulti: tessuto che genera alla fede

generafedeQuesto l'invito rivolto agli accompagnatori dei genitori dei ragazzi del cammino di IC,  ai vicari foranei e parroci, ai coordinatori dei catechisti vicariali e parrocchiali, ed agli operatori pastorali della carità della pastorale familiare e della liturgia

Da diversi anni, è ormai consuetudine ritrovarsi in un momento assembleare per avere l’occasione di approfondire e confrontarsi su un tema specifico che può far progredire la nostra formazione personale e quest’anno, come da calendario degli appuntamenti pastorali, il nostro incontro è previsto per:

DOMENICA 7 APRILE 2019 dalle ore 15.30 alle ore 18.30
presso il teatro dell’OPSA a Sarmeola di Rubano (PD)
(Opera Provvidenza S. Antonio – via della Provvidenza, 68)

Da quando è iniziato il rinnovamento del cammino di Iniziazione cristiana dei ragazzi che prevede anche il coinvolgendo dei genitori, risulta sempre più evidente che iniziare alla fede non può essere delegato alla sola catechesi, ma deve esprimere un’azione collegiale, sinergica di tutte le altre componenti che fanno parte della comunità.

È la comunità cristiana in quanto tale, illuminata dallo Spirito, che è chiamata attraverso la sua testimonianza nel vivere la Parola, nella vita fraterna e nell’assidua preghiera, a generare alla fede. La comunità cristiana è l’origine, il luogo e la meta della catechesi.
È sempre dalla comunità cristiana che nasce l’annunzio del Vangelo, che invita gli uomini e le donne a convertirsi e a seguire Cristo. Ed è la stessa comunità che accoglie coloro che desiderano conoscere il Signore e impegnarsi in una vita nuova. Così essa realizza la sua natura missionaria. Il suo essere in uscita! Ecco quindi l’importanza di affrontare il tema:

Comunità cristiana di adulti: tessuto che genera alla fede

Ad aiutarci nella riflessione sarà Serena Noceti, docente di ecclesiologia alla Facoltà teologica di Firenze.

Compatibilmente con gli impegni della visita pastorale alla nostra Diocesi, sarà presente anche il Vescovo Claudio.

Fiduciosi della vostra presenza, visto il tema che verrà affrontato, vi salutiamo fraternamente.

don Giorgio Bezze e l' equipe diocesana formazione accompagnatori

Il vescovo Claudio accoglie la richiesta di perdono di don Roberto Cavazzana.

Padova, 7 marzo 2019

COMUNICATO STAMPA 52/2019

Il vescovo Claudio accoglie la richiesta di perdono
di don Roberto Cavazzana. Il reinserimento sarà progressivo

«In occasione della Quaresima mi sento convinto di compiere un gesto che nasce dal Vangelo e ci riconduce al Vangelo. È un gesto che compio dopo aver ascoltato
parecchi di voi ma che impegna la mia paternità spirituale e pastorale e di cui mi assumo la responsabilità e le conseguenze di fronte a voi, di fronte ai cristiani delle nostre comunità, di fronte alla nostra società».

È solo l’incipit di un’approfondita riflessione che mons. Claudio Cipolla, vescovo di Padova, ha condiviso con l’intero presbiterio di Padova riunito oggi, giovedì 7 marzo, in occasione del ritiro d’inizio Quaresima per annunciare la progressiva e graduale reintegrazione nel servizio ministeriale di don Roberto Cavazzana.
Don Roberto Cavazzana era finito due anni fa sotto i riflettori della ribalta mediatica per comportamenti inadeguati per un prete, da subito pubblicamente stigmatizzati dal vescovo di Padova mons. Claudio Cipolla.
Per oltre un anno il sacerdote ha vissuto fuori Diocesi in una comunità religiosa dove ha compiuto un percorso – adeguatamente accompagnato – di rivisitazione personale e della propria vocazione, concordato con il vescovo.

Dallo scorso settembre don Roberto Cavazzana è rientrato in Diocesi di Padova, ma prima di essere reintegrato pienamente gli è stato chiesto di: prestare per un anno servizio volontario in due realtà diocesane che si occupano di persone disagiate; celebrare in privato, salvo espresse autorizzazioni; vivere in maniera riservata pur partecipando agli incontri di spiritualità e di formazione del clero; proseguire il percorso di accompagnamento spirituale e personale avviato in questi due anni. Solo successivamente potrà essere inserito in una parrocchia, insieme ad altri preti con i quali fare vita comune.

«Don Roberto Cavazzana – ha spiegato il vescovo Claudio accogliendo la richiesta di perdono – che con la sua leggerezza ha suscitato disagio, smarrimento, sofferenza e interrogativi tra i fedeli e nelle nostre comunità, chiede di essere perdonato e di poter
continuare a fare il prete. La richiesta è stata presentata dopo un tempo lungo di riflessione, di verifica attenta, di discernimento vocazionale durante il quale ha personalmente maturato la consapevolezza dei propri errori. Come padre accetto la sua domanda di perdono e la sua richiesta di proseguire il ministero presbiterale e di continuare a fare il prete con un ulteriore percorso penitenziale vissuto a livello ecclesiale
e concordato direttamente con me».

Al ritiro dei preti era presente lo stesso don Roberto Cavazzana che ha fatto pubblica richiesta di perdono: «Chiedo perdono delle parole dei gesti e di ciò che nella vita ho sbagliato, chiedo perdono se in certi frangenti della mia vita non sono stato vero e di
aver ferito la Chiesa».

«Umanamente – ha concluso il vescovo Claudio, pensando anche alle reazioni delle comunità cristiane e dei fedeli che sono rimasti scossi dalle vicende che hanno interessato don Cavazzana – restano incertezze, ma a tutti vorrei dire che la Misericordia
del Signore supera tutte le nostre paure e considerazioni; la Misericordia di Dio è più grande della capacità di perdono della nostra società; arriva dove noi non sapremo mai arrivare. Riabilita gli umiliati, rialza chi è caduto, offre speranza agli sfiduciati: questo è Vangelo, bella notizia!».

Quaresima 2019

1qua2019fortezzaQUARESIMA DEI RAGAZZI: L'ALBERO DELLA PASQUA
Dopo aver ricevuto il vaso e i rami che faranno da “base” al loro albero, per i ragazzi arriva il mo-mento di iniziare a riempirlo. Ogni domenica riceveranno un uovo bianco che potranno decorare come preferiscono o prendendo spunto dall’immagine che sarà loro proposta.
Insieme all’uovo troveranno sempre anche una breve preghiera da leggere insieme ai genitori per riflettere sul tema della settimana.
Nella prima domenica di Quaresima ricevono l’uovo della fortezza, per resistere al male e vincerlo con il bene.

 

QUARESIMA DEGLI ADULTI

lodiLODI MATTUTINE CANTATE
Un piccolo gruppo del Cammino Neocatecumenale si è reso disponibile ad animare con il can-to le lodi mattutine per tutta la Quaresima a partire da lunedì 11 marzo.
Dal lunedì al venerdì alle ore 6.15 del mattino nella cappellina di Mandria si celebreranno le lodi cantate, l’ufficio delle letture, un tempo di meditazione (preghiera silenziosa) e le preghiere comuni fino alle 6.55 circa.

IL TEMPO DELLA PREGHIERA
Durante la Quaresima sarà possibile continuare la preghiera con il metodo proposto dalle nostre suore. Questa volta saremo ospitati dalla famiglia Pajaro (via Monferrato 1/B) il giovedì sera alle ore 21.00 nei giorni 21 marzo, 4 e 11 aprile.

tempopreghiera“CAPIRE E PREGARE I SALMI” e CENTRI DI ASCOLTO
Lunedì 11 marzo alle ore 21.00 nel salone del patronato di Mandria Antonino Scuderi guiderà una riflessione sui salmi aperta a tutta la comunità in preparazione ai entri di ascolto quaresimali.
I centri di ascolto nella parrocchia di Mandria si terranno nei giorni 28 marzo, 4 e 11 aprile alle ore 21.00 presso le famiglie Cappellini (via Venzone 1) e Piovan (via Ponte della Cagna).

DIO PARLA LA LINGUA DEL CORPO
Ogni domenica alle ore 19.00 nella chiesa di Mandria vengono celebrate delle messe o celebrazioni con comunione eucaristica con differenti proposte di animazione:
 I domenica del mese - MESSA ROCK (a seguire, cena “porta e offri” in patronato)
 II domenica del mese - PREGHIERA E COMUNIONE (a seguire, adorazione in cappellina fino alle 22.00)
 III domenica del mese - MESSA CON DANZE (a seguire, cena “porta e offri” in patronato)
 IV domenica del mese - SPIEGAZIONE DELLA PAROLA E COMUNIONE (a seguire, adorazione fino alle 22.00)

viacrucisVIA CRUCIS
Ogni venerdì alle 15.30 nelle chiese di Mandria e di Voltabrusegana.

ADORAZIONE EUCARISTICA
Ogni venerdì alle 16.00 alle 24.00 nella chiesa dell’OIC.

PREGHIERE ON LINE
Attraverso sul nostro sito internet potrete quotidianamente accedere a delle brevi riflessioni basate sul vangelo del gior-no e concedervi qualche minuto per meditare aiutati dalle immagini abbinate.

Messaggio per la Quaresima 2019

quaresima2019Sorelle e fratelli carissimi,

inizia oggi, Mercoledì delle Ceneri, l’importante tempo che la Chiesa propone per preparare la celebrazione annuale della Pasqua. È tempo penitenziale e di conversione, orientato alla festa e alla vita nuova del Signore Risorto: il dono della sua pace è la nostra speranza!
Vorrei cogliere questo inizio di Quaresima per augurare a cia-scuno di voi, e alla vostra comunità radunata per il rito delle Ceneri, “buon cammino!”.

Vi sia compagna una continua ricerca di perdono: da offrire a chi ha sbagliato e da accogliere umilmente, se a peccare siamo stati noi; da sperimentare come dono sorprendente di chi ci vuole bene e che ci viene concesso gratuitamente.

Il dono viene da Dio e ci parla di lui anche quando ci è trasmes-so da uomini, da un amico, da un familiare, da una comunità; è frutto della Pasqua di Gesù, del Risorto: solo lui può tanto!

A volte ci sorprende fino a scandalizzarci proprio perché va ben oltre le nostre logiche retributive e meritorie, come nel caso della parabola del padre misericordioso, quando il figlio maggiore si infastidisce per il perdono e per la festa che il padre dona al “prodigo”. Oppure quando Gesù invita a porgere l’altra guancia a chi ci percuote, o a benedire e amare quelli che ci trattano male.

Carissimi cristiani, la nostra Chiesa diocesana con tutte le sue comunità locali, è custode di questa speranza: sempre il Signore con il suo sguardo ci rialza e ci ricompone nella nostra dignità umana.

Le nostre comunità devono saperlo, possono farne esperienza e diventano voce per annunciare con la loro vita la mi-sericordia di Dio.

La Pace del Signore Risorto sia con la vostra comunità e raggiunga le vostre case.

Buona e santa Quaresima!

Claudio, Vescovo


DonLorenzo

Don Lorenzo Voltolin
Tel. 049.685508
Cell. 340.7223749  -  339.6007243
E-mail:voltabrusegana@diocesipadova.it

Prossimi appuntamenti

panevino

Festive
Sabato ore 18.30 (a Mandria) 
Domenica ore 8.30 e
11.00
Domenica ore 8.00 e 10.00 (a Mandria), 10.30 e 17.00 (all'OIC) 

Feriali
Lunedì e venerdi ore 18.30
Martedì, mercoledì e giovedì ore 18.30 (a Mandria)

Rosario
Giovedì ore 20.00 c/o famiglia Fanzago (via Falcone, 26)
Martedì, mercoledì, giovedì e sabato 18.00 (chiesa di Mandria)

Lodi mattutine
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 8.00 (a Mandria)

Adorazione Eucaristica Continua
Venerdì dalle ore 16.00 alle ore 24.00 (Chiesa Mater Dei - O.I.C.)

 

Per inviare i vostri articoli, i vostri filmati, le vostre riflessioni, segnalare eventuali problemi o appuntamenti e programmazioni varie relative alle attività dei vari gruppi parrocchiali potete utilizzare il seguente indirizzo e-mail:

redazione@voltabrusegana.it

A seconda del materiale proposto e degli spazi disponibili, i contenuti saranno pubblicati, oltre che nel sito, anche nel bollettino parrocchiale settimanale.

Angolo degli sponsor

  • VoltaService.jpg
  • BccPiove.jpg
  • LaMacelleria.jpg
  • PastManzato.jpg
  • AgipOasi.jpg
  • LaScuderia.jpg
  • MeccanicaElite.jpg
  • Petranzan.jpg
  • RedLineMilano.jpg
  • LaPreferita.jpg
  • CarrozzeriaCanal.jpg
  • CaldonCoccole.jpg
  • ToniVono.jpg
  • VecchioFalconiere.jpg
  • Laura.jpg
  • GiadaCarra.jpg
  • Zaggia.jpg
  • PastaJerry.jpg
  • Vetreria.jpg
  • OrtoMercato.jpg

Vicariato del Bassanello

I siti delle altre parrocchie del nostro vicariato:

Statistiche di visualizzazione:

Oggi255
Ieri473
Settimana2695
Mese9720
Totale467120

Sabato, 20 April 2019 08:21
Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech