Benvenuto nella Parrocchia di Voltabrusegana   Click to listen highlighted text! Benvenuto nella Parrocchia di Voltabrusegana Powered By GSpeech

Questo sito non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze, vengono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti .Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Leggi l'informativa relativa alla cookie policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Inoltre su ogni pagina consultabile di voltabrusegana.iu in calce trovi anche la Privacy Policy relativa al trattamento dei dati personali.

Preghiere del giorno 2020

Gentile utente, a partire da oggi, 1 gennaio 2020, le preghiere del giorno saranno visibili nel nuovo sito parrocchiale al seguente indirizzo: 

Martedì 31 Dicembre 2019

31122019Dal Vangelo secondo Giovanni
In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta.
Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me è avanti a me, perché era prima di me».
Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto: grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui che lo ha rivelato.

Non c’è niente di più bello, quando vogliamo bene a qualcuno, di sentire che lui entra a far parte della nostra quotidianità e noi della sua. Anche da questo sentiamo l’amore: se ci fa piacere stare insieme senza artifici, se non ci vergogniamo di come siamo, se veniamo invitati a passare del tempo insieme, anche poco, ma di valore.
Grazie, Signore, di averci amato così tanto da far sì che la tua vita e quella dell’umanità si incontrassero.

Lunedì 30 Dicembre 2019

30122019Dal Vangelo secondo Luca
[Maria e Giuseppe portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore.] C’era una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.
Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

E’ bello scoprire che, poco dopo la nostra nascita, qualcuno non strettamente legato alla nostra famiglia si era già accorto di noi. Lo scopriamo magari da adulti, parlando con persone che ricordano qualche aneddoto legato al giorno in cui siamo nati o ritrovando dei biglietti di auguri che avevano fatto arrivare ai nostri genitori.
Grazie, Signore, per ogni persona che ci ha voluto, atteso e amato.

Domenica 29 Dicembre 2019, Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe

29122019Dal vangelo secondo Matteo
I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».
Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nella terra d’Israele; sono morti infatti quelli che cercavano di uccidere il bambino».
Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele. Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: «Sarà chiamato Nazareno».

Signore, ti preghiamo perché nella quotidianità delle nostre famiglie possa entrare la gioia di ritrovarsi insieme a pregarti e a venire in adorazione di fronte a te.

Sabato 28 Dicembre 2019, Santi Innocenti

28122019Dal Vangelo secondo Matteo
I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».
Quando Erode si accorse che i Magi si erano presi gioco di lui, si infuriò e mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme e in tutto il suo territorio e che avevano da due anni in giù, secondo il tempo che aveva appreso con esattezza dai Magi.
Allora si compì ciò che era stato detto per mezzo del profeta Geremìa:
«Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata,
perché non sono più».

I bambini! Che cosa avevano fatto quei poveri bambini di Betlemme, uccisi dal feroce Erode per paura di perdere il suo potere? Quei bambini sono celebrati dalla Chiesa come martiri: sono morti per difendere un bambino come loro. Ancora oggi quanti sono i bambini vittime innocenti: le guerre, la fame, lo sfruttamento, gli aborti. Oggi la Chiesa ricorda questi santi innocenti.
Risplenda la tua luce, Signore, su questi piccoli martiri e illumina noi perché riusciamo a proteggere i bambini che ci dai in custodia.

Venerdì 27 Dicembre 2019, San Giovanni

27122019Dal Vangelo secondo Giovanni
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala corse e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.

Nella festa di san Giovanni evangelista, il Vangelo ci propone un brano della Resurrezione: Pietro e Giovanni corrono al sepolcro perché Maria di Magdala lo ha trovato vuoto. Giovanni corre più veloce di Pietro ma si ferma ad aspettarlo, vede i teli posati, piegati, vede il sepolcro vuoto. Vede e crede.
Il Natale di Gesù senza la sua Resurrezione sarebbe una festa solo di luci e di colori, di buoni propositi e sentimenti. Quanti auguri abbiamo dato e ricevuto in cui non c'è traccia di Gesù!
Gesù, desideriamo contemplarti, in questi giorni, adagiato nella culla di Betlemme, appena nato, ma con la certezza che tu sei il Crocifisso e il Risorto. Sei il Dio-con-noi: fa' che non ti lasciamo mai e che nel tuo Natale
possiamo cogliere la presenza della tua Resurrezione.

Giovedì 26 Dicembre 2019, Santo Stefano

26122019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani.
Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato».

Di fronte ai soprusi e alle ingiustizie è normale sentire il desiderio di scappare, se ci è possibile. Ma quando il nostro obiettivo è davvero importante perla nostra vita, nasce in noi una forza inaspettata che ci fa resistere e sopportare.
Signore, donaci la perseveranza che tu stesso hai con noi.

Mercoledì 25 Dicembre 2019

25122019Dal Vangelo secondo Luca
In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.
Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.
Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».
E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:
«Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Anche gli eventi positivi possono generare in noi timore: posso fidarmi di questa persona? Sarò meritevole di tanto amore che ricevo? Sarò capace di donarne a mia volta? Saprò essere presente e rispettoso?
Signore, tu che hai rassicurato Maria, Giuseppe e i pastori di fronte alle loro preoccupazioni, aiutaci a dissipare la nostra diffidenza di fronte al bene.

Martedì 24 Dicembre 2019

24122019Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, Zaccarìa, padre di Giovanni, fu colmato di Spirito Santo e profetò dicendo:
«Benedetto il Signore, Dio d’Israele,
perché ha visitato e redento il suo popolo,
e ha suscitato per noi un Salvatore potente
nella casa di Davide, suo servo,
come aveva detto
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
salvezza dai nostri nemici,
e dalle mani di quanti ci odiano.
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e si è ricordato della sua santa alleanza,
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
nella remissione dei suoi peccati.
Grazie alla tenerezza e misericordia del nostro Dio,
ci visiterà un sole che sorge dall’alto,
per risplendere su quelli che stanno nelle tenebre
e nell’ombra di morte,
e dirigere i nostri passi
sulla via della pace».

Ti ringraziamo, Signore, per ogni gesto di bontà che ci arriva nelle nostre giornate. Grazie per quando incontriamo comprensione, per quando sentiamo di essere accolti nonostante le nostre povertà, grazie per chi si accorge di ciò che di prezioso c’è in noi e lo fa brillare, grazie per averci reso capaci di portare, a nostra volta, del bene ad altri. Resta sempre con noi.

Lunedì 23 Dicembre 2019

23122019Dal Vangelo secondo Luca
In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.

Esistono, nella nostra vita, degli eventi che fanno da spartiacque tra un “prima” e un “dopo”, eventi che ci cambiano e che danno il via ad un nuovo inizio.
Ti chiediamo, Signore, di aiutarci a dare un risvolto positivo a queste svolte: aiutaci a non ripetere gli errori del passato, a guarire le ferite che abbiamo provocato, a perdonare con sincerità.

Domenica 22 Dicembre 2019 - IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

22122019Dal vangelo secondo Matteo
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

San Giuseppe, tu che con Maria, tua sposa, ti sei lasciato accompagnare dall’angelo per compiere la volontà di Dio, accompagna noi, oggi, in adorazione di fronte al Signore, perché anche noi possiamo, con umiltà, accogliere e compiere la sua volontà.


DonLorenzo

Don Lorenzo Voltolin
Tel. 049.685508
Cell. 340.7223749  -  339.6007243
E-mail:voltabrusegana@diocesipadova.it

panevino

Festive
Sabato ore 18.30 (a Mandria) 
Domenica ore 8.30 e
11.00
Domenica ore 8.00 e 10.00 (a Mandria), 10.30 e 17.00 (all'OIC) 

Feriali
Lunedì e venerdì ore 18.30
Martedì, mercoledì e giovedì ore 18.30 (a Mandria)

Rosario
Lunedì e venerdì ore 18.00 in chiesa
Martedì, mercoledì, giovedì e sabato 18.00 (chiesa di Mandria)

Lodi mattutine
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 8.00 (a Mandria)

Adorazione eucaristica continua
Venerdì dalle ore 16.00 alle ore 24.00 (Chiesa Mater Dei - O.I.C.)

 

Per inviare i vostri articoli, i vostri filmati, le vostre riflessioni, segnalare eventuali problemi o appuntamenti e programmazioni varie relative alle attività dei vari gruppi parrocchiali potete utilizzare il seguente indirizzo e-mail:

redazione@voltabrusegana.it

A seconda del materiale proposto e degli spazi disponibili, i contenuti saranno pubblicati, oltre che nel sito, anche nel bollettino parrocchiale settimanale.

Angolo degli sponsor

  • SImpianti.jpg
  • Petranzan.jpg
  • BologniniTermoidraulica.jpg
  • Insalarte.jpg
  • OneLab.jpg
  • LaPreferita.jpg
  • MacelleriaFavero.jpg
  • CarrozzeriaCanal.jpg
  • GiadaCarra.jpg
  • RedLineMilano.jpg
  • SystemCosta.jpg
  • CaldonCoccole.jpg
  • Laura.jpg
  • MeccanicaElite.jpg
  • Lindaus.jpg
  • LaScuderia.jpg
  • BccPiove.jpg
  • CentroStampa.jpg
  • AgipOasi.jpg
  • AFNalesso.jpg

Statistiche di visualizzazione:

Oggi624
Ieri1114
Settimana624
Mese11272
Totale624541

Lunedì, 17 February 2020 12:55
Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech