Benvenuto nella Parrocchia di Voltabrusegana   Click to listen highlighted text! Benvenuto nella Parrocchia di Voltabrusegana Powered By GSpeech

Questo sito non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze, vengono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti .Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Leggi l'informativa relativa alla cookie policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Inoltre su ogni pagina consultabile di voltabrusegana.iu in calce trovi anche la Privacy Policy relativa al trattamento dei dati personali.

Venerdì 19 Luglio 2019

19072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle.
Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato».
Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma ai soli sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: “Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Quante volte la nostra fede è costruita intorno ai paletti, alle cose da fare e da non fare, a preghiere recitate solo a memoria. Non abbiamo ancora capito che diventare tuoi discepoli significa avere una libertà esigente ed impegnativa, perché ci chiami a diventare tuoi collaboratori. “Misericordia io voglio e non sacrifici”: tu preferisci un gesto di compassione autentica piuttosto che una devozione forzata: la gioia di servirti e l’osservanza dei precetti diventa un modo di amare.
Signore, non stancare di ripetercelo fino a quando lo avremo impresso nel nostro cuore.

Giovedì 18 Luglio 2019

Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse:
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Mercoledì 17 Luglio 2019

Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza.
Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».

Martedì 16 Luglio 2019

16072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite:
«Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, già da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se a Sòdoma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di Sòdoma sarà trattata meno duramente di te!».

Quando una persona ci lascia interdetti a causa del suo comportamento ci troviamo nostro malgrado a non riuscire a fidarci di lei e arriviamo a dubitare anche delle sue più buone manifestazioni, perché il timore che stia solo nascondendo qualcosa di male è troppo forte.
Aiutaci, Signore, a compiere i passi giusti per aiutare coloro a cui vogliamo bene e che stanno percorrendo sentieri pericolosi. Aiutaci a saper di nuovo credere e avere fiducia.

Lunedì 15 Luglio 2019, San Bonaventura

15072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Tutto ciò che mette in moto le nostre emozioni e il nostro intelletto porta in sé le contrapposte capacità di unire e di dividere. La religione, la scienza, persino l'amore, legano gli uomini tra loro con forza, ma allo stesso tempo, nella discordia, diventano ostacoli apparentemente invalicabili alla possibilità di unione.
Signore, aiutaci ad accettare nella nostra vita anche ciò che ci sembra insopportabile.

Domenica 14 luglio - XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

14072019Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».
Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».

La nostra vita spesso è faticosa, difficile, dolorosa, ma tu sei il nostro buon samaritano: ci ungi con l’olio e il vino per lenire i nostri dolori e sanare le nostre ferite.
Ti preghiamo e veniamo ad adorarti, Signor

Sabato 13 Luglio 2019

13072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia!
Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.
E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo.
Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!
Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

Non si può vivere da cristiani nel ritiro dal mondo. Il Vangelo è la testimonianza da fare a Cristo Gesù nel mondo. Gesù dopo avere annunciato momenti di persecuzione, invita i suoi (e noi) ad avere fiducia nel Dio che si occupa anche dei passerotti e che conosce il numero dei nostri capelli. Un grande annuncio di speranza, che non deve fare perdere però l’attenzione ai pericoli e agli ostacoli nel cammino che ci possono portare lontano dalla vita eterna.
Signore, donaci l’energia di testimoniare che apparteniamo a te.

Venerdì 12 Luglio 2019

12072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato.
Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo».

Il mondo è fatto di tante persone diverse e spesso si incontra gente che vuole farci del male o che si comporta con cattiveria verso i più deboli. Se siamo cristiani, l’ostilità è ancora più forte. Ma allora cosa possiamo fare? Dobbiamo ricordare sempre che la salvezza passa per la croce. Dobbiamo rimanere pecore in mezzo ai lupi. Gesù ci ha promesso la sua consolazione: perseveriamo dunque nella preghiera e nell’annuncio del Vangelo e della pace, perché «chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato».

Giovedì 11 Luglio 2019, San Benedetto

11072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Pietro, disse a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?».
E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna».

Se dovessimo creare un’equivalenza numerica sul significato dalle parole di Gesù dette a Pietro, anche utilizzando i più sofisticati software moderni, si farebbe fatica a quantificare il risultato e comprenderne la grandezza.
Aiutaci, o Padre, per intercessione di San Benedetto, monaco e maestro di quanti dedicano la propria vita al servizio del prossimo, a seguire con rettitudine i tuoi insegnamenti.

Mercoledì 10 Luglio 2019

10072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, Gesù diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.
I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello; Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano; Giacomo, figlio di Alfeo, e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, colui che poi lo tradì.
Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: «Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino».

Nelle parole di Matteo troviamo riassunto il ruolo principale della Chiesa. Era lo stesso compito che Gesù affidò ai suoi discepoli: andare in missione e annunciare il Regno dei cieli.
Come chiama loro per nome, così fa con ciascuno di noi: ci chiede di unirci in comunità e, seguendo i suoi insegnamenti, ci invia ad annunciare la buona novella ai nostri fratelli.
Sostienici, o Padre, in questo importante impegno e proteggici dalle difficoltà e paure che incontriamo quotidianamente sul nostro cammino.

Martedì 9 Luglio 2019

09072019Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, presentarono a Gesù un muto indemoniato. E dopo che il demonio fu scacciato, quel muto cominciò a parlare. E le folle, prese da stupore, dicevano: «Non si è mai vista una cosa simile in Israele!». Ma i farisei dicevano: «Egli scaccia i demòni per opera del principe dei demòni».
Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe perché mandi operai nella sua messe!».

Quando i nostri sentimenti vengono calpestati, dentro di noi inizia a ribollire una grande rabbia che ci porterebbe a mettere in atto qualche forma di vendetta («Ti farò soffrire più di quanto tu hai fatto soffrire me, così non solo capirai, ma anche ricorderai di non farlo mai più»), ma questa non educa, apre solo una guerra a farsi del male.
Signore, quando la rabbia è incontenibile donaci la lucidità di ricordare che non si può guarire il male con il male; aiutaci a comunicare ciò che sentiamo e rendici capaci di ascoltare quando ci troviamo dall’altra parte.


DonLorenzo

Don Lorenzo Voltolin
Tel. 049.685508
Cell. 340.7223749  -  339.6007243
E-mail:voltabrusegana@diocesipadova.it

panevino

Festive
Sabato ore 18.30 (a Mandria) 
Domenica ore 8.30 e
11.00
Domenica ore 8.00 e 10.00 (a Mandria), 10.30 e 17.00 (all'OIC) 

Feriali
Lunedì e venerdì ore 18.30
Martedì, mercoledì e giovedì ore 18.30 (a Mandria)

Rosario
Lunedì e venerdì ore 18.00 in chiesa
Martedì, mercoledì, giovedì e sabato 18.00 (chiesa di Mandria)

Lodi mattutine
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 8.00 (a Mandria)

Adorazione eucaristica continua
Venerdì dalle ore 16.00 alle ore 24.00 (Chiesa Mater Dei - O.I.C.)

 

Per inviare i vostri articoli, i vostri filmati, le vostre riflessioni, segnalare eventuali problemi o appuntamenti e programmazioni varie relative alle attività dei vari gruppi parrocchiali potete utilizzare il seguente indirizzo e-mail:

redazione@voltabrusegana.it

A seconda del materiale proposto e degli spazi disponibili, i contenuti saranno pubblicati, oltre che nel sito, anche nel bollettino parrocchiale settimanale.

Angolo degli sponsor

  • RedLineMilano.jpg
  • Zaggia.jpg
  • OneLab.jpg
  • BccPiove.jpg
  • MacelleriaFavero.jpg
  • PastaJerry.jpg
  • IvanoMarcolongo.jpg
  • Laura.jpg
  • AgipOasi.jpg
  • LaScuderia.jpg
  • VecchioFalconiere.jpg
  • BologniniTermoidraulica.jpg
  • Lindaus.jpg
  • MeccanicaElite.jpg
  • Vetreria.jpg
  • OrtoMercato.jpg
  • CarrozzeriaCanal.jpg
  • SImpianti.jpg
  • Insalarte.jpg
  • Petranzan.jpg

Vicariato del Bassanello

I siti delle altre parrocchie del nostro vicariato:

Statistiche di visualizzazione:

Oggi62
Ieri519
Settimana1960
Mese9073
Totale507418

Venerdì, 19 July 2019 03:26
Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech